Viaggio nel sud della Francia #1: i profumi, il Verdon e le moules marinières

Rieccomi dopo la pausa estiva riposata e pronta per affrontare un nuovo anno di ricette insieme 🙂

Non prima di avervi raccontato del bellissimo viaggio che ho fatto nel sud della Francia!

Questa estate, infatti,mio marito ed io, ci siamo concessi una di quelle vacanze che piacciono a noi, un po’ gitane, dove ogni giorno ti svegli in un posto nuovo tutto da scoprire e che, con nostro stupore e piacere, è stata apprezzata anche dai nostri bambini. Un viaggio che ha toccato luoghi pieni di facino che ci hanno subito conquistato.

Siamo stati via due settimane ed abbiamo percorso diversi chilometri, attraversando paesaggi molto diversi tra loro: dalle spettacolari Gorges du Verdon, il canyon più grande d’Europa, alle dolci campagne coperte di vigneti e campi di lavanda, ai piccoli borghi dalle case in pietra e le imposte color pastello, alla selvaggia Camargue con le sue saline, i cavalli bianchi e i fenicotteri rosa, per finire in una grande città cosmopolita: Marsiglia.

Ogni luogo in cui abbiamo soggiornato ci ha rapito il cuore con i suoi infiniti profumi, i caratteristici colori e tante tante “gourmandises”, per cui eccomi qui a raccontarvi di questi luoghi e, perchè no, ad ispirarvi per un prossimo viaggio.

Il nostro tour è iniziato nella deliziosa cittadina di Antibes con il suo porticciolo turistico, le antiche mura e tanti tanti negozietti carini, tanto che avrei voluto subito fare incetta di saponette profumate, sacchettini di lavanda e specialità gastronomiche! La meta successiva però ci attendeva quindi ho dovuto desistere…

Ci siamo, quindi allontanati dal mare e abbiamo raggiunto Grasse, la patria dei profumi. Sapete che proprio da qui proviene uno degli ottanta ingredienti che compongono il famoso Chanel n°5? E mentre io mi perdevo nelle varie profumerie, il resto della famiglia, a mia insaputa, si deliziava con la fougacette, una morbida focaccina ai fiori d’arancio!

Siccome Grasse ha una carinissima piazza piena di bistrot abbiamo deciso di fermarci qui per pranzo, plat du jour: moules marinières servite con patate fritte e accompagnate da un bicchiere di birra ghiacciata.

Il giorno seguente lo abbiamo dedicato ad un itinerario tutto natura alla scoperta delle Gorges du Verdon, il canyon più grande d’Europa con le sue gole profondissime e i grifoni che volano liberi nel cielo.

Abbiamo percorso la “route des crètes” la strada panoramica che costeggia il canyon e che permette di godere di paesaggi mozzafiato fino ad arrivare al lago di Sainte Croix, grandissimo e con acque color smeraldo… un tuffo qui è d’obbilgo!

Sulle rive del lago abbiamo anche fatto il primo di tanti picnic a base di baguettes croccanti farcite con verdure, prosciutto e formaggio. Infine, abbiamo noleggiato una barchetta elettrica (qui nessuna barca a motore è ammessa per preservare la bellezza delle acque) per vedere le gole da un’altra prospettiva.

 

Durante questi primi giorni di viaggio abbiamo pernottato a Castellane, borgo medioevale dominato da una chiessetta abbarbicata su uno sperone di roccia che sembra cadere da un momento all’altro e punto strategico per visitare tutta la zona del Verdon.

Spero che questa prima parte del mio “diario di viaggio” vi sia piaciuta, vi do’ appuntamento alla prossima settima con la seconda tutta dedicata alla lavanda (preparatevi a sognare) e vi lascio con la ricetta delle moules marinière.

Moules marinière

Ingredienti per 4 persone:

1,5 kg di cozze

2 scalogni

2 spicchi di aglio

1/2 lt di vino bianco secco

1 rametto di timo

1 foglia di alloro

50 gr di burro (io lo sostituisco con l’olio!)

prezzemolo

  • Pulite bene le cozze.
  • In un tegame piuttosto ampio sciogliete il burro, poi fatevi appassire gli scalogni tritati e gli spicchi di aglio schiacciati.
  • Aggiungere il rametto di timo e l’alloro, sfumate con il vino bianco, aggiungete le cozze e mecolate bene.
  • Coprite il tutto per qualche minuto finchè i muscoli non si saranno aperti.
  • Aggiungere il prezzemolo tritato e servite.

 

 

 

 

5 Comments

  • manu ha detto:

    Bellissime foto!!
    Pure io ho trascorso le vacanze in Francia, ma al Nord, in Bretagna.
    Grazie per averle condivise.
    Ti abbraccio

    • ilmondodiframm ha detto:

      ciao Manu,
      bellissimo anche il nord della Francia, aspetto che i bambini siano un po’ più grandi per poterci tornare, per ora non reggono viaggi troppo lunghi 🙂

  • tizi ha detto:

    wow! che bel viaggio… anch’io anni fa ho fatto un viaggio in francia suddiviso in varie tappe, e anch’io proprio come te mi sono innamorata delle moules in tutte le loro varianti… devo dire che la versione con timo e alloro mi manca! grazie per la ricetta quindi, e complimenti per le foto 🙂

  • zia consu ha detto:

    Bentornata Fra e grazie di questo meraviglioso post ^_^ a prestissimo ^_*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *