La colazione del momento: le smoothie bowls

L’ultima tendenza in fatto di colazione? Le smoothie bowls: delle ciotolone di denso frullato decorate con frutta fresca e tanti altri ingredienti sani e sfiziosi. Io ne vado già matta da tempo!!!

Lo so, sono molto suscettibile alle mode ;-), ma sono proprio loro che ci permettono di variare, di scoprire cose ed esperienze nuove. Adesso mi direte che il frullato non è poi una gran novità; è vero, ma qui si parla di un frullato “speciale” al quale vengono aggiunti tanti sani e sfiziosi ingredienti in modo da farlo diventare una colazione completa.

Prepararla è semplicissimo basta frullare 1/2 banana con la frutta che più preferite e qualche cucchiaio di latte vegetale. Si versa il tutto in una ciotola non troppo fonda e si guarnisce con frutta fresca, cereali, semi e tutto ciò che il vostro gusto e la vostra fantasia vi suggeriscono.

Il bello di questa colazione è può variare con le stagioni e  a seconda degli ingredienti che scegliete di inserire. In estate si può utilizzare la banana congelata così da ottenere una colazione (ma anche una merenda) fresca e simile ad un gelato!

Ma quali ingredienti inserire:

  • frutta: tutta, ma preferite quella di stagione,
  • latte vegetale (di soia, mandorle, cocco, riso,…) oppure lo yogurt o l’acqua di cocco;
  • semi: chia, girasole,papavero, lino, ecc…
  • frutta secca ( noci, nocciole, mandorle, anacardi, scaglie di cocco, bacche di goji, …);
  • cereali: avena, riso soffiato, farro, orzo,..
  • Spezie (cannella, zenzero,…);
  • Cacao (fave, polvere, scaglie di cioccolato fondente);
  • dolcificanti (io non li metto): miele, sciroppo d’acero, sciroppo d’agave

E per dare ancora più energia, prova ad aggiungere al frullato le bacche di açai, provenienti dalle palme dell’Amazzonia sono un vero superfood grazie al loro contenuto di vitamine, fibre, sali minerali e antiossidanti. Simili ai mirtilli aumentano il senso di sazietà, favoriscono il drenaggio dei liquidi e lo smaltimento delle tossine.

Buona colazione!

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *