Le frittelle di Tata Iol

Iolanda è la nostra vicina di casa, una signora piuttosto arzilla considerando l’età con una passione per il fritto (a differenza della sottoscritta). Iolanda frigge di tutto dal dolce al salato (“fritta è buona anche una ciabatta” si dice dalle nostre parti). L’altro ieri aveva preparato le frittelle di farina dolce per la merenda della Patata Saltellante; ovviamente ho assaggiato ed erano buonissime. La particolarità è che non sono schiacciate come al solito, ma rotonde.
Ecco la ricetta così come me l’ha data lei:
  • Si setaccia la farina di castagne e si mette in una zuppiera;
  • si aggiunge acqua sufficiente a creare un impasto bello sodo;
  • se la farina è di buona qualità non dovrebbe essere necessaria l’aggiunta di zucchero, altrimenti se ne mette un cucchiaio o due;
  • si aggiunge un cucchiaino di lievito per dolci e un pizzico di bicarbonato e si mescola il tutto;
  • con l’aiuto di due cucchiaini si formano delle palline e si mettono a friggere in abbondante olio bollente.

Questa è la ricetta di Tata Iol, io suggerisco di aggiungere un po’ di uvetta e la scorza di arancia grattugiata all’impasto e di farlo riposare almeno mezz’ora prima di friggere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *